web statistics
 
 Forza d'Agrò paese medievale a due passi da Taormina e l'Etna. Ricco di arte, storia e cultura, panorami mozzafiato. Famoso per aver accolto i cast di molti film.


La Vendemmia

Il forzese beve il vino ottenuto dalle sue vigne, le basse e piccole vigne, spesso lontane dal paese, disordinate, ma ricche di grappoli; viti coltivate col sudore della propria fronte, dalla lavorazione della terra alla sistemazione delle canne o dei pali di legno, dalla potatura al trattamento col solfato di rame.

La vendemmia si può considerare ancora un "rito" collettivo, in quanto mobilita intere famiglie che colgono l’occasione di scambiarsi commenti in armonia ed amicizia. Un tempo, però, l’uva, raccolta nelle ceste, veniva trasportata con gli asini nei palmenti del paese, pigiata con i piedi (che divertimento per i bambini!) e quindi torchiata a mano. Quanta fatica traspariva dal viso abbronzato dei contadini per lo sforzo muscolare compiuto! Il mosto che sgorgava dal torchio, filtrato attraverso una cesta di canne che fungeva da crivello, veniva raccolto nelle ampie e profonde vasche da dove, misurato con le apposite quartare (recipienti di 10 litri), mediante gli otri veniva inviato alle botti situate nelle rustiche e fresche cantine delle case nell'attesa di diventare un buon vino, da assaggiare, come vuole la tradizione, il giorno di San Martino.

La produzione di vino è tradizione antica. Anche i Romani gustavano il vino di questi luoghi, denominato "Tauromenitano". I tantissimi palmenti scavati nella roccia e diffusi in tutte le  campagne rimangono come testimonianza di questa antichissima tradizione. Ormai macchine moderne, veloci e non stancanti, hanno sostituito anche i vecchi e grandi palmenti situati nel paese, in particolare quello esistente nella casa Schipilliti, prima Garufi, in un vicolo della Via SS. Annunziata. Oggi purtroppo il palmento è stato eliminato per consentire i lavori di consolidamento nell’antico edificio.

Il ritorno alla produzione del vino, ultimamente, sta spingendo comunque tanti agricoltori ad edificare piccoli palmenti direttamente nel terreno di loro proprietà destinato alla coltivazione delle viti.


E' vietata la riproduzione anche parziale.
Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo lavoro può essere riprodotto, esposto pubblicamente, diffuso in rete, tradotto in qualunque lingua od in qualunque forma o con qualunque mezzo, senza la preventiva autorizzazione scritta degli autori.

www.forzadagro.org

Emanuele Giuseppe Di Cara Viale delle Rimembranze Forza D'Agrò E-mail: toglimi_edicara@aruba.it*
&
Nicola Di Cara Via Bachelet 40 31015 Conegliano (TV) E-mail: toglimi_ndicara1@tin.it* sito web
* Per inviare un e-mail si deve togliere la seguente parte: "toglimi_" inserita per frenare lo spam.

Forzadagro.org 2001-2017