Forza d'Agrò paese medievale a due passi da Taormina e l'Etna. Ricco di arte, storia e cultura, panorami mozzafiato. Famoso per aver accolto i cast di molti film.


La Festa "dell’alloro" (u ddauru)

La tradizione vuole che il lunedì di Pasqua in Forza d’Agrò abbia un significato unico nella storia dell’Archimandritato: la Processione dei Sacri Oli dalla Piazza Sant’Antonio alla chiesa della SS. Trinità, con grande partecipazione dei fedeli e delle organizzazioni ecclesiastiche. L’alloro, segno del Cristo trionfatore, accompagna i Sacri Oli.

Un tempo il "Sacro Olio" veniva portato in processione dal Tempio dei S.S. Pietro e Paolo d’Agrò alla piccola chiesa di San Michele Arcangelo, posta nell’originario "Casale". Da quando il paese ha assunto l’attuale posizione e su questa é via via cresciuto, anche la processione del Sacro Olio ha cambiato il suo tragitto ma non il suo significato.

In epoca più recente si partiva una persona da Forza d’Agrò e raggiungeva a piedi il Tempio dei S.S. Pietro e Paolo. Qui egli prelevava l’olio Santo, quindi tornava in paese ove veniva accolto dalla moltitudine dei fedeli che, in processione, portava l’olio fino alla "Matrice".

Dice Stefano Bottari nel libro "Forza d’Agrò":

"Alla processione prende parte tutto il popolo, che, in segno di giubilo, si adorna di nastri e fazzoletti di seta antichi, a tinte varie e vivaci. Quest’indumenti, per consuetudine secolare, non sono adoperati che per quella sola festa: dalle famiglie vengono riguardati come oggetti sacri e si tramandano per eredità."

Oggi questa tradizione non esiste più, ma é sostituita da un’altra usanza ugualmente gentile e caratteristica.

I Forzesi, per lo più i giovani, si riuniscono in gruppi, ciascuno dei quali realizza degli stendardi d’alloro con foglie disposte su un telaio di canna o di legno, in onore della SS. Trinità. Dopo la premiazione delle "opere" migliori, tutti gli stendardi d’alloro, la confraternita e tutta la moltitudine dei Forzesi e dei turisti, provvisti del tradizionale ramoscello di foglie d’alloro, accompagnati dalla banda musicale, si partono dalla chiesa della Triade percorrendo in corteo la lunga Via SS. Annunziata. Giunti nella piccola Piazza Sant’Antonio, proprio alla fine del paese (come a voler ricreare un legame con la chiesa di San Michele al Casale o addirittura col Tempio dei monaci basiliani), da parte dell’Arciprete forzese avviene la benedizione dell’alloro, che ognuno tiene bene in alto, e del Sacro Olio.

Anche in questa occasione, giorno di "Lunedì dell’Angelo", i confrati, in segno di ospitalità, distribuiscono le "collure" a tutti i fedeli presenti, sia paesani sia forestieri, come Abramo nel deserto fece con i tre angeli che vennero a fargli visita.

E’ consuetudine appendere tali ciambelle alle pareti delle proprie abitazioni, con lo scopo di allontanare i pericoli derivanti dai terribili temporali.

Le foto degli stendardi della Festa Dell'Alloro del 01.03.2002

Le foto degli stendardi della Festa Dell'Alloro del 21.04.2003

Le foto degli stendardi della Festa Dell'Alloro del 12.04.2004

Le foto degli stendardi della Festa Dell'Alloro del 28.03.2005

Le foto degli stendardi della Festa Dell'Alloro del 09.04.2007

Le foto degli stendardi della Festa Dell'Alloro del 23.04.2008

Le foto degli stendardi della Festa Dell'Alloro del 13.04.2009

Le foto degli stendardi della Festa Dell'Alloro del 25.04.2011

Le foto degli stendardi della Festa Dell'Alloro del 01.04.2013


E' vietata la riproduzione anche parziale.
Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo lavoro può essere riprodotto, esposto pubblicamente, diffuso in rete, tradotto in qualunque lingua od in qualunque forma o con qualunque mezzo, senza la preventiva autorizzazione scritta degli autori.

www.forzadagro.org

Emanuele Giuseppe Di Cara Viale delle Rimembranze Forza D'Agrò E-mail: toglimi_edicara@aruba.it*
&
Nicola Di Cara Via Bachelet 40 31015 Conegliano (TV) E-mail: toglimi_ndicara1@tin.it* sito web
* Per inviare un e-mail si deve togliere la seguente parte: "toglimi_" inserita per frenare lo spam.

Forzadagro.org 2001-2017