web statistics
 
 Forza d'Agrò paese medievale a due passi da Taormina e l'Etna. Ricco di arte, storia e cultura, panorami mozzafiato. Famoso per aver accolto i cast di molti film.


Poesie & Canzoni

Molti poeti si sono ricordati di Forza D'Agrò e hanno lasciato dei componimenti che sono rimasti nella storia di questo paese. In età  moderna, alcune di queste opere sono state riutilizzate per l'arrangiamento di alcune canzoni che sono diventate una sorta di inno per gli abitanti e soprattutto per gli emigrati all'estero. Uno degli esempi più calzanti e quella di "Paiseddu Caru" . I primi versi potrebbero risalire ai primi del '800, di certo già compaiono nel 1927 nel libro "Forza D'Agrò" di Stefano Bottari. Il resto si dice che sia stato aggiunto nel corso dei decenni da altri personaggi del paese. Molto più di  recente grazie ad un arrangiamento musicale ed all'accostamento di un ritornello è divenuta una graziosa canzone.

Paiseddu Caru

Canzone scritta per Forza d'Agrò

1 6

O Forza, Forza paiseddu caru
dimmi cu ti truvau stu lucaleddu
ti specchii ’nta lu mari paru, paru
e poi ti voti e vardi Mungibeddu.

Da Trinità nun sacciu lu pitturi
setticentanni ieru a passari
venunu furisteri a tutti l’uri
di celu e terra e di d’abbanna u mari.

2 7

Di sti circunvicini si lu faru
biddizzi antichi ni teni a munzeddu
opiri d’arti ca non hannu paru
prudutti di pinneddu e di scarpeddu.

L’abitanti d’aieri nun pinsaru
mi ni fannu di tia nu giardineddu
lu panurama toi non calcularu
ca surgi forti gigantescu e beddu.

3 8

Ca l’aria è lu megghiu prufissuri
ca tutti li malati fa sanari
viniti tutti n’aviti timuri
a quattrucentu metri supra ’u mari.

Lu suli è forti e li donni su bruni
omini n’avi a centinara
chista è la terra di zagari e ciuri
lu matrimoniu non vi pò mancari.

4 9

Lu Crucifissu chè lu prutitturi
è un munumentu ca non avi pari
nuddu a lu munnu sapi u so valuri
sulu Antuneddu l’ha pututu fari.

Non vi nascunnu lu meghiu sculturi
non sugnu degniu di lu numinari
chistu fu appuntu lu nostru Signuri
la prima petra ca vinni a pusari

5 10

E non vi parru di lu Gunfaluni
ca dui suli a lu Munnu n’avi
si l’aviunu rubatu li latruni
ca tantu ni parraru li giurnali.

E ringraziamu a tutti sti signuri
ca n’hannu onuratu di scutari
semu Furzoti picciotti d’onuri
evviva Forza ca ci fa ’ncantari.

Poeta Ignoto


Scritta nel marzo del 1968 da uno dei poeti più titolati di Forza D'Agrò, Antonino Muscolino, Miramare è un ode al paese natio. Qui il poeta descrive il suo paese usando una miriade di aggettivi per farne risaltare le infinite qualità.

Miramare

1 6

Forza, paese antico e assai importante
possiede svariati monumenti,
la Chiesa Madre con i suoi brillanti
è meraviglia di tutta la gente.

I meravigliosi campi ed i suoi fiori
e tante altre bellezze naturali,
di tutto il mondo che c’è sotto il sole
Forza D’Agrò non possono equagliare.

2 7

La SS. Trinità e tutti i Santi,
il Gonfalone quanto è importante,
Santa Caterina e altri Santi,
sono lo specchio dei monumenti.

Forza D’Agrò è risorta a tutta oltranza,
lo dimostra in ogni evenienza,
è divenuta di grande importanza,
con Parigi non c’è più differenza.

3 8

La Madre Annunziata quanto è grande!
Tutta l’umanità n’è riverente.
Il Crocifisso che protegge i Santi,
con la sua divinità infinitamente.

Splendida nave che sta sempre a galla,
brilli nel cielo come una lucente stella.
Forza D’Agrò, che suona canta e balla,
incognita bellezza e vera perla.

4 9

E tante altre cose assai importante,
che non sa spiegare la mia mente.
Si può chiamare Paese d’incanti,
ed è apprezzato da tutta la gente.

Forza D’Agrò si chiama Miramare,
non si conosce il tramonto del sole
venite cari amici a visitare,
questo luogo incantevole d’amore.

5

Parlo dei suoi Castelli e architetture,
e con i suoi superbi panorami,
parlano anche le antiche scritture,
e il suo Belvedere sopra al mare.

21 Marzo 1968

Poeta   A. Muscolino (’U Mulinaru)

1898 -1984


Le poesie o "i canzuni", per Forza D'Agrò, sono sinonimi della notte di San Giovanni. Infatti il 24 giugno (S. Giovanni) ed il 29 giugno (S. Pietro) fin da tempi antichissimi era solito riunirsi in un quartiere dove i "cantatori" recitavano queste canzoni che auguravano ai giovani, non sposati, amore o sventure. La nottata si svolgeva, e si svolge, così: vengono scritti tutti i nomi dei giovani non sposati del paese su delle striscioline di carta, dopodiché viene cantata una canzone che può augurare un futuro pieno d'amore o di sventure alla fine della canzone viene estratto un bigliettino che svelerà il nome da collegare alla canzone.

Dall'Amore....

Haiu priatu ‘a furtuna
di nudda banna mi voli ‘iutari,
l’haiu priatu comu ‘na signura,
no’ m’ha vulutu la testa calari,
mi dici chi pi mia n’è giunta l’ura;
la rota non si gira cu li mani,
quanno la sorti voli veni sula
e d’ogni banna ciata lu gricali.

Bella no' stari cu cori tirannu,
li me paroli vattilli scrivennu,
lu nostru amuri si va avvicinannu
la mala vuluntà si ni stà iennu.
L'anciuli mparadisu festa fannu,
stannu li nostri cori riunennu,
se vuluntà di Diu e so cumannu
uniti ristiremu pi l'eternu.
Cori di pietadi dimmi chi voi,
cu st'occhi beddi 'ppassiunati sta.
Alla me casa viniri non poi
pi l'occhi dilla genti e tu lu sai.
Fammi 'na littra cu li mani toi
e ddà intra mi dici comu stai
e la risposta ti la mannu appoi,
quanto ti vogghiu beni tu lu sai.
Sona riluggiu miu tuttu d'amuri
stai o cumannu mei quannu a sunari
sona li quarti, li mumenti e l'uri
c'a mia n'ura cent'anni mi pari.
Sai picchi non vegnu a tutti l'uri?
Nò sugnu aceddu chi pozzu vulari.
Sai pirchi nò sentu 'ssai duluri?
C'è lu suspiru toi e mi fa carmari,
iò preiu la Madonna e lu Signuri
ca lu me curi a tia voli spusari.
Palazzeddu d'oru di petri brillanti
tu sula mi 'ntrasisti nta la menti
e nta la testa mei nni penzu tanti
e pi rrivari a tia nò penzu nenti.
Tu si na figghiuledda 'ssa eleganti
chi marci 'ssai mudesta veramenti
si cc'è quarcunu chi si fa avanti
iò su capaci di rumpirci li denti.
L'arbiru siccu fa virdi la fogghia
e ogni rama p'a so via pigghia
l'arbiru si canusci dalla fogghia
vardi la mamma e canusci la figghia
cu voli e cu nò voli a ohhia
pi tia iò fazzu centumila migghia
quannu la terra l'occhi mi cummogghia
tannu ti lassu 'zzuccarata fighia.
Garoulu pumpusu e duci amuri
mannimi a dirti comu t'hai amari
tu mi rubasti lu cori ammucciuni
e ora nò mi lu voi dari
iò nn'haiu rimuddatu cori duri
lu toi nò lu potti rimuddari
ora fazzu prigheri a lu Signuri
si nta li brazza mei ti voli mannari
Si tanta bedda ca la luna passi
puru li stiddi iannu gilusia
la to biddizza iò disidirassi
chi t'haiu sempre ta la fantasia
siiò la to biddizza la pighiassi
l'oru e l'argentu nò ci bastiria
e si mi 'ngiuri chi nò mi lassi
lassu l'argentu e l'oru e pigghiu a tia
Quannu nascisti ciuri di biddizza
to mamma parturiu senza duluri
nascisti 'na iurnata d'alligrizza
e li campani sunavunu a suli
la cira ti dunava la bianchizza
la rosa ti desi lu so culuri
lu zuccuru ti desi la ducizza
e la cannella lu so beddu aduri
si iò spusassi a tia chi cuntittizza
u votu ci farissi a lu Signuri
Chi ti manciasti chi si tanta duci
cu ti pasci gemma d'amuri
cu chi ti lavi chi tantu straluci
mi cridu cu zagari e ciuri
iò quannu vidu a tia vidu la luci
vidu la cuntintizza di stu cori
si nò veni a morti e mi riduci
tu sarai mia sin'a chi mori

...allo sdegno

Quannu nascisti tu brutta pigna
era di iornu e suru facia
nascisti tutta niura e 'ffumicata
to mamma ti vardava e ti ciancia
ristasti pure senza battiata
lu parrinu scappau nta sacristia
mi 'ssumighi na scimmia spinnata
ristasti turca puviredda 'i tia
Quannu nascisti tu eri bruttazza
non ti facia nuddu 'na carizza
nta l'ari spuntau 'na lapazza
e ittava vilenu a schizza a schizza
comu ti pozzu amari si si 'na pazza
no teni na parola di firmizza
e stavi sempri supra la tirrazza
c'un franninaru chi vinia di Nizza
iai la panza comu da bisazza
e fai fetu comu na munnizza
Assira ci passai di lu ghianu
e nta la stanza to sintia rumuru
omini c'erunu a lu fucularu
e ogni parola sdirupava u muru
stesunu tutti sinu a ghiornu ghiaru
nta lu to lettu si curcaru puru
ora fighiola ti li dicu ghiaru
nò ti vogghiu no no stacci sicuru
 

Le canzoni dedicate a Forza d'Agrò
"Paiseddu Caru"  
"Forza D'Agrò"

Le canzoni sono cantate da Giulietta Verzino e Sebastiano Stracuzzi, suona il maestro Salvatore Colosi.


E' vietata la riproduzione anche parziale.
Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo lavoro può essere riprodotto, esposto pubblicamente, diffuso in rete, tradotto in qualunque lingua od in qualunque forma o con qualunque mezzo, senza la preventiva autorizzazione scritta degli autori.

www.forzadagro.org

Emanuele Giuseppe Di Cara Viale delle Rimembranze Forza D'Agrò E-mail: toglimi_edicara@aruba.it*
* Per inviare un e-mail si deve togliere la seguente parte: "toglimi_" inserita per frenare lo spam.

Forzadagro.org 2001-2017