web statistics
 
 Forza d'Agrò paese medievale a due passi da Taormina e l'Etna. Ricco di arte, storia e cultura, panorami mozzafiato. Famoso per aver accolto i cast di molti film.


MAGGHIA: UN BORGO ANTICO

L’uomo del tempo, pastore-agricoltore, era in possesso di mezzi semplici: innanzitutto le proprie braccia, quindi alcuni attrezzi che egli stesso si fabbricava, infine l’amico asino (u sceccu, in dialetto), valido aiuto nei lavori più faticosi. Tutto ciò che egli utilizzava per le sue costruzioni, pietre, legno, sabbia, canne, poteva trarle dal luogo in cui viveva. Siccome faceva da se, ciò che realizzava era di piccole dimensioni e di aspetto semplice, adattato alla conformazione del luogo. Per questo ogni cosa ben si inseriva in un paesaggio che risultava estremamente equilibrato.

Sono gruppi di case incollate le une alle altre con l’ingresso sulle strettissime viuzze, quasi viottoli, mezzi di transito ma anche cortili ove non di rado sono visibili recipienti scavati nella pietra arenaria, utilizzati per la raccolta dell’acqua piovana o come scifo (scodella) per gli animali, in particolare i maiali che, assieme alle pecore, le capre, gli asini ed i buoi convivevano con l’uomo in queste sue piccole abitazioni.

I muri delle case, irrobustiti eventualmente agli angoli da blocchi di pietra arenaria estratta nella vicina contrada "Vignale", sono internamente intonacati di bianco; i solai poggiano su travi di legno e, per accedervi, bisogna risalire rustiche scalette anch’esse di legno; i sottili divisori sono di canne rivestite da un limitato spessore di malta.

Alcune porte, le più antiche, sono architravate, altre sono ad "arco", ma sempre costituiti da lisci blocchi di arenaria.

La configurazione del luogo, la semplicità delle case, i materiali utilizzati, la presenza della "vecchia" porta architravata insieme al "nuovo" arco, comunque sempre semplici nella forma priva di qualsivoglia sagomatura od abbellimento, fanno ritenere che Magghia sia il più antico quartiere di Forza d’Agrò oggi esistente.

In questo luogo, i "primi Forzesi" speravano di vivere con la solita intensità ma più tranquillamente rispetto a quanto fatto nell’originario Vicum e al Casale.

Nel quartiere di Magghia rimangono i ruderi della Chiesa di San Sebastiano.


E' vietata la riproduzione anche parziale.
Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo lavoro può essere riprodotto, esposto pubblicamente, diffuso in rete, tradotto in qualunque lingua od in qualunque forma o con qualunque mezzo, senza la preventiva autorizzazione scritta degli autori.

www.forzadagro.org

Emanuele Giuseppe Di Cara Viale delle Rimembranze Forza D'Agrò E-mail: toglimi_edicara@aruba.it*
&
Nicola Di Cara Via Bachelet 40 31015 Conegliano (TV) E-mail: toglimi_ndicara1@tin.it* sito web
* Per inviare un e-mail si deve togliere la seguente parte: "toglimi_" inserita per frenare lo spam.

Forzadagro.org 2001-2017